Uno scempio intollerabile

Il Boschetto è uno dei gioielli più preziosi della città. Fu realizzato nel 1825, dunque compie 195 anni, sull’onda della grande stagione turistica iniziata con l’apertura (1823) della nuova strada per Genova, e il relativo abbattimento del diaframma del Bracco, voluta da re Carlo Felice. Il boschetto, impreziosito dal palco della musica e dalle statue che ornavano un tempo il Teatro Civico (inaugurato nel 1846), è stato uno dei luoghi più amati dai ragazzi della mia generazione: lì sbocciavano nuovi amori, lì ci si perdeva in infinite chiacchierate su Coppi e Bartali, sul Milan e la Juventus, su quella o sull’altra ragazza (o, immagino, sul tale ragazzo o il talaltro). Ma non ricordo di avere mai visto uno scempio simile. E poiché non si dica che ce l’ho con gli attuali amministratori comunali, riporto (qui), a futura memoria, quello che pubblicai dodici anni fa sulla Gazzetta della Spezia.
Ma è possibile che, con la tecnologia di cui disponiamo oggi, non si riesca a identificare e a punire duramente gli imbecilli che si divertono a distruggere un bene pubblico?