Gigio, cosa buttiamo del calcio?

bacio

Gigio Donnarumma era l’idolo dei milioni di tifosi del Milan sparsi per tutto il mondo, della squadra italiana, cioè, che può esporre in bacheca il maggior numero di trofei internazionali vinti (18), e che insieme al Boca Juniors si piazza al terzo posto, dopo Real Madrid e Al-Ahli, in questa speciale classifica mondiale (la Juventus è undicesima a quota dieci). Milan che è anche l’unica squadra italiana autorizzata a fregiarsi nella maglia ufficiale dello stemma della Coppa campioni/Champions League, il logo assegnato dall’Uefa alle squadre che hanno vinto la coppa dalle orecchie almeno cinque volte o per tre volte di fila (il Milan ne ha vinte sette).

Oggi quei tifosi sono delusi, amareggiati, e, diciamo pure, incazzati, per il comportamento di Gigio Donnarumma. Non sarebbe così se il ragazzo, dopo avere deciso, o dopo essere stato convinto, di lasciare il Milan, avesse avuto il coraggio di presentarsi davanti ai microfoni dicendo: “Signori, sono giovane, sono bravo, mi vuole il Real Madrid, vale a dire il sogno di qualsiasi calciatore al mondo, mi danno una barca di soldi… mi spiace, ma saluto e vado via”. Sarebbe rimasta l’amarezza, ma non quell’incazzatura che ha portato alcuni tifosi a coniare il nome Dollarumma. Invece, mentre lui tace, forse pentito, il suo procuratore non fa che accampare una giustificazione dopo l’altra per quel no, senza trovarne una, una sola, capace di convincere perlomeno i… neutrali.

Donnarumma dovrebbe ora avere capito che in certi casi, soprattutto quando un amore finisce in modo così brutto, il rancore è direttamente proporzionale all’amore che lo aveva preceduto: tanto è grande il rancore oggi quanto grande era l’amore ieri. Se ha capito questo, sa anche che cosa ha perso.

Naturalmente, so bene che Donnarumma non leggerà queste righe, ma se dovessero capitargli sotto gli occhi, mi piacerebbe che rispondesse a un piccolo quesito, una specie di giochino.

A che cosa potrebbe rinunciare il calcio per continuare a esistere come sport più bello del mondo?

  1. Ai giocatori
  2. Alle società calcistiche
  3. Ai dirigenti delle società
  4. Agli allenatori
  5. Ai massaggiatori
  6. Ai preparatori atletici
  7. Ai medici sociali
  8. Ai raccattapalle
  9. Agli arbitri
  10. Agli assistenti degli arbitri
  11. Al pallone
  12. Ai magazzinieri
  13. Ai tifosi
  14. Ai giornalisti
  15. Alle radio/televisioni
  16. Ai giudici sportivi
  17. Ai procuratori

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...