Ecco dov’è l’oro dei nostri monti

portoro-1

Cava Pozzi alti, A.A.S.M. S.Croce, monte Santa Croce (Fabiano)

“Marmo nero di fondo, con venature giallo oro disposte a grappoli, d’onde il nome tipico.” Così l’Annuario-guida per la provincia della Spezia, anno 1929, che aveva la direzione in Piazza Cavour 1, telefono 8-65, descriveva il marmo portoro, quel “meraviglioso materiale da decorazione che costituisce un monopolio invidiato perché in tutto il mondo non si estrae che nel golfo”, ed “è il marmo più pregiato che si conosca. Nemmeno il celebre Paonazzo di Carrara, né lo Schiros di Grecia possono stare al pari del nostro superbo calcare”. Continua a leggere

Annunci