Cento imbecilli, 20 furbi e 80 tonti

massimo

Chiacchierando con un amico su Facebook ho fatto una breve riflessione che vorrei ora condividere con voi. Prima di Vittorio Emanuele II, di  Cavour e di Garibaldi, per ritrovare un’Italia unita dobbiamo risalire a Badùila Totila re dei Goti (metà del VI secolo). Dopo l’unità – 1861, sembra una vita, ma sono solo 155 anni – abbiamo avuto un Regno fra i più arretrati d’Europa, cinquant’anni dopo una guerra mondiale, poi vent’anni di fascismo con la coda di un’altra guerra mondiale (e sappiamo cosa ci è costata), quindi una democrazia finta perché condizionata dalla guerra fredda (bombe, stragi, Italicus, ecc. ci dicono tante cose), e infine il disfacimento del sistema politico nato dalla Resistenza e sancito dalla Costituzione, con bande di ogni genere che imperversano in lungo e in largo per la penisola e con i burocrati della cosiddetta Unione Europea, l’Europa dei muri, che ci stanno massacrando.

Cosa possiamo pretendere di diverso?

E allora mi è venuto in mente quanto scriveva Massimo d’Azeglio (foto) nell’aprile del 1849, cioè nei giorni immediatamente successivi alla terribile sconfitta di Novara che mise fine alla prima guerra d’indipendenza.

L’uomo destinato a una buona carriera politica, che tra l’altro era di casa sulle rive del nostro golfo, profeticamente rimuginava:
“Del resto, lasciando stare tutte queste ragazzate, in questi due anni ho imparato molte cose che non sapevo; che non basta scatenare gli schiavi, ma bisogna poter anche mutare le loro anime di schiavi in anime d’uomini liberi e indipendenti; che la statistica dell’Italia dà per risultato un 20 per cento d’imbecilli, birbi, e audaci; e un 80 per cento d’imbecilli, buona gente, e non audaci e che quest’insieme ha quello che s’è cercato e che si merita, perché, sempre più me ne persuado, ogni popolo ha il governo e il trattamento che merita. Abbiamo voluto e perciò meritato che l’Europa potesse disporre di noi, e l’Europa con tutto suo comodo disporrà di noi, e poi si cala il sipario e la commedia è finita”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...